censureNel 1294, la fama del Carnevale di Nizza è valorizzata con la presenza di Carlo II d’Angiò, conte di Provenza, venuto nella città « per passare i giorni gioiosi del Carnevale ». Dopo 1388 (quando Nizza si dette alla casa Savoia), i sovrani soggiornavano spesso a Nizza per assistere ai divertimenti notevoli del Carnevale.
Nonostante le critiche della chiesa, la festa continuò controllata in poi dai sindachi della città.
Nel 1539 furono istituiti gli « Abati dei Pazzi », incaricati dell’organisazione delle festività. Ogni classe sociale (nobiltà, mercanti, artigiani, operai e pescatori) aveva il suo Abato e dava il suo ballo pubblico. Per circolare da un ballo all’altro, la maschera era sempre richiesta se non chè si doveva rimanere nel ballo della sua classe.

charivari


 

Utilisez ce formulaire pour contacter la rédaction de Nice RendezVous, pour nous adresser vos communiqués et prière d'insérer. Vous pouvez joindre jusqu'à 5 photographies et documents au format PDF (taille maximum : 1 Mo) en cliquant sur le bouton Ajouter les fichiers.

 

1000 caractères restants
Ajouter les fichiers